Maggio 2016 è il mese del Naturalmente Senza Glutine

Domani è il primo giorno del nuovo mese (maggio). Ogni nuovo inizio rappresenta una possibilità di cambiamento. Quello che da sempre auspichiamo è il cambiamento nel modo di approcciarsi all’alimentazione senza glutine. Troppo spesso si parla di cucina glutenfree facendo riferimento ai succedanei e ai prodotti industriali che non sono proprio salutari, vista la grande concentrazione di zuccheri e grassi, senza tener conto della qualità organolettica (spesso scadente). In questo contesto è giusto dire che mangiare senza glutine non fa dimagrire, contrariamente a quello che credono coloro che escludono il glutine dalla propria alimentazione per scelta e non per necessità, anzi fa ingrassare e fa danni alla salute. Per questi stessi motivi, sarebbe giusto indurre a non usare succedanei industriali anche coloro che devono mangiare senza glutine. Ecco perché da sempre insistiamo affinché i celiaci imparino a conoscere (ed usare) gli alimenti naturalmente privi di glutine, che permetterebbero di avere una dieta più equilibrata e sana, senza dover necessariamente ricorrere alle bombe caloriche di gran parte dei dietoterapeutici.

Seguire una dieta naturalmente prima di glutine non è facile per chi è pigro, così come diventa complicato per chi ha poco tempo per preparare le cose fatte in casa. Bisogna però focalizzare l’attenzione su un aspetto: la qualità della nostra vita, la capacità di poter lavorare bene, di crescere i propri figli e di condurre una vita agevole, spesso è condizionata dal nostro stato di salute. Se non riusciamo a nutrire bene il nostro organismo, non potremo portare avanti le cose di tutti i giorni. Riflettendo in questi termini, chi non sarebbe disposto ad organizzare meglio le proprie giornate dedicando più tempo nello scegliere e cucinare alimenti qualitativamente superiori a quelli industriali? La cosa strabiliante è scoprire che uno stile di vita indirizzato verso il ritorno alle cose fatte in casa, oltre ad essere più sano, è anche più economico.

Per far conoscere praticamente i concetti sull’alimentazione naturalmente priva di glutine espressi nel Manifesto di Nonsologlutine, abbiamo deciso di proclamare Maggio come il “mese del  naturalmente senza glutine“, stimolando chi ci segue a mangiare seguendo questa filosofia.

Il primo che darà il buon esempio di questo stile alimentare è il sottoscritto. Giorno dopo giorno, durante tutto il mese di maggio, pubblicherò le foto di ciò che mangerò sul profilo Instagram e sulla Pagina Facebook di Nonsologlutine. Tutti i post saranno contraddistinti dall’hashtag #naturalmentesg. Escluderò dalla mia tavola tutti i dietoterapeutici, utilizzando, quando ne avrò voglia, solo prodotti artigianali. A giugno tirerò le somme di quanto accaduto durante il mese di maggio.

Invito tutti coloro che durante il mese mangeranno piatti naturalmente senza glutine, a postare sui propri profili social le foto dei piatti accompagnate dall’hashtag #naturalmentesg. A conclusione del mese recupereremo tutti i post e daremo visibilità a tutte le foto attraverso i nostri canali di comunicazione.

Buon maggio 2016 all’insegna dell’alimentazione naturalmente senza glutine.

Hanno ancora senso i buoni mensili per i celiaci?

L’intolleranza permanente al glutine, meglio conosciuta col termine Celiachia, è una patologia che colpisce l’1% della popolazione. Esiste una sola modalità per poter curare questa condizione: seguire una dieta con alimenti privi di glutine. Come già approfondito nel precedente articolo sull’etichettatura dei prodotti senza glutine, nel 2005 è stata istituita la legge che consente l’erogazione dei prodotti definiti “dietoterapeutici”, erogabili dal sistema sanitario nazionale. In parole povere, in funzione del sesso e dell’età sono state determinate delle soglie di spesa di cui i celiaci possono usufruire per poter ritirare (gratuitamente) prodotti senza glutine in farmacia o nei negozi convenzionati. Questi prodotti sono individuabili da un logo circolare bianco e verde rilasciato dal Ministero della Salute alle aziende dopo aver realizzato approfonditi controlli presso gli impianti produttivi delle stesse.


I celiaci che usufruiscono di questa agevolazione sono 164.492 (dati del Ministero della Salute riferiti al 2013). Suddividendo i celiaci tra donne (circa 2/3 del totale), uomini e bambini, lo Stato italiano paga ogni anno una cifra superiore ai 200.000.000 di euro per erogare questi prodotti. Una cifra notevole che, se aggiornata al 2015, sarà decisamente più elevata.

L’erogazione gratuita dei prodotti senza glutine è di notevole aiuto per la vita del celiaco, ma nasconde ombre sulle quali sarebbe opportuno fare chiarezza.

Una delle prime è la differenza di prezzo che lo Stato paga rispetto allo stesso prodotto venduto normalmente nei negozi o nella grande distribuzione. Se le regole del mercato sono le stesse che riguardano tutti i prodotti della filiera agroalimentare, non esistono costi aggiuntivi per giustificano una differenza di prezzo che spesso supera il 50%.

Altro argomento che andrebbe approfondito è la tipologia di prodotti che possono essere erogati gratuitamente. La legge 123/2005, all’art.4 comma 1 recita: “Al fine di garantire un’alimentazione equilibrata, ai soggetti affetti da Celiachia è riconosciuto il diritto all’erogazione gratuita di prodotti dietoterapeutici senza glutine”. Oggi la legge, secondo il mio parere, è stata completamente tradita dall’offerta di dietoterapeutici che nulla hanno a che fare con l’alimentazione equilibrata: merendine con infinite tipologie di farcitura e snack ipercalorici sono l’esatto opposto di ciò che è previsto in una dieta equilibrata. Pasta, pane e farina possono essere considerati prodotti necessari per continuare a condurre un’alimentazione corretta, ma tutto il resto, non necessario nella dieta di qualsiasi essere umano, dovrebbe rappresentare la scelta personale di chi vuole togliersi lo sfizio di mangiare qualcosa di diverso, ma non possono essere considerati necessari al punto da essere erogati gratuitamente dallo Stato. Bastoncini di pesce impanati, olive ascolane, arancini di riso, barrette di cioccolato con cereali consentiti e tanto altro ancora non sono eticamente ammissibili tra i prodotti erogabili dallo Stato.

Questo approccio all’alimentazione non è differente da quello che avviene normalmente nei consumi di prodotti alimentari. I prodotti trasformati hanno letteralmente cambiato l’approccio al cibo sulle tavole dell’uomo, allontanandolo da tutto ciò che è offerto dalla natura e che da sempre ha rappresentato le tradizioni gastronomiche. Nel caso dei celiaci questo atteggiamento è ancora più grave, visto che parliamo di persone che hanno già un problema fisico relativo all’assunzione del cibo e proprio per questo motivo dovrebbero essere maggiormente stimolati a seguire un regime alimentare sano, senza utilizzo di prodotti trasformati dall’industria. Questa problematica è legata alla cultura del cibo relativa alle ultime due generazioni, quelle vissute nel benessere economico che ha permesso di avere tutto già pronto e disponibile in qualsiasi luogo. Partire da una educazione all’uso corretto del cibo potrebbe rappresentare un passo in avanti decisivo anche per le prossime generazioni.

Questi due argomenti, già da soli, dovrebbero far riflettere sulla necessità di mantenere il privilegio dell’erogazione dei buoni a queste condizioni.

Voglio però mettere in campo ulteriori argomenti di riflessione su cui ritengo sia necessario riflettere. Come dicevo all’inizio, i celiaci sono l’1% della popolazione, quindi in Italia dovremmo avere circa 600.000 persone a cui è stata diagnosticata la Celiachia. I dati del 2013 parlano di poco meno di 150.000 diagnosticati, quindi vuol dire circa il 75% dei celiaci (450.000) non è stato diagnosticato. Una cifra enorme di persone che, in assenza di diagnosi e quindi di alimentazione senza glutine, potrebbero sviluppare nel tempo patologie collegate alla celiachia non curata. Tra queste patologie vi sono alcune molto gravi, che possono mettere a rischio la stessa vita di queste persone. Per correre ai ripari rispetto a questo rischio, sarebbe necessario uno screening seriologico di massa, per permettere la diagnosi di tutti coloro che sono inconsapevolmente celiaci. Questo tipo di screening della popolazione ha sicuramente dei costi importanti, ma decisamente inferiori rispetto a quelli che il sistema sanitario nazionale dovrà impiegare per curare persone che potrebbero, per effetto di una mancata diagnosi di Celiachia, sviluppare patologie ben più gravi…

Facile, quindi, fare qualche riflessione:

Ha ancora senso mantenere le attuali condizioni per il ritiro gratuito di dietoterapeutici?

Perché non utilizzare i fondi stanziati per i dietoterapeutici (o una parte di essi) per finanziare lo screening della popolazione?

Perché non utilizzare una parte dei fondi per far partire progetti di educazione alimentare che insegni alle persone come approcciarsi all’alimentazione sana, partendo dall’utilizzo di alimenti naturalmente privi di glutine?

Spiga barrata, Prontuario e claim “senza glutine”: facciamo chiarezza.

L’alimentazione senza glutine è la superstar delle ultime settimane. Ogni testata giornalistica dedica almeno un articolo sull’argomento, mettendo in evidenza la grande esplosione mediatica dei prodotti gluten free e la cosiddetta “moda” nei consumi da parte di coloro che non hanno necessità di privarsi di questa proteina. Questa nuova tendenza dei consumatori, importata da analoghe dinamiche presenti già da qualche anno negli Stati Uniti, ha dato vita a reazioni contrastanti nel mondo di coloro che hanno la necessità di mangiare senza glutine. Molti si sono espressi contro l’acquisto di prodotti senza glutine da parte di consumatori “normali”, mentre molti altri, tra cui il sottoscritto, vedono di buon occhio una domanda allargata di questi prodotti che inevitabilmente produce anche più offerta e quindi più reperibilità dei prodotti stessi.

Chi dalla prima ora si è messa contro queste dinamiche di mercato è stata l’Associazione Italiana Celiachia, tanto da promuovere la “Settimana Nazionale della Celiachia” dal 16 al 22 maggio scorso, prendendo posizione rispetto al fenomeno di cui sopra, attraverso il manifesto che mette in evidenza il messaggio “La dieta senza glutine non è una moda”. Locandina_Settimana

Nel testo del manifesto c’è una prima parte dedicata all’aspetto modaiolo di questa dieta, con riferimento al fatto che non si dimagrisce mangiando senza glutine, mentre nella seconda parte si sconsiglia di mangiare senza glutine prima della diagnosi certa. Tutte belle parole, se non fosse che una settimana dopo questa iniziativa di AIC, parte una super campagna mediatica di Dr. Schar, il più importante produttore di alimenti industriali senza glutine, che attraverso il sito www.megliosenzaglutine.it (il nome è già tutto un programma) promuove il “Mese delle intolleranze al glutine” con tanto di introduzione sui sintomi legati all’assunzione di glutine e il link ad un video che fa “più chiarezza”.

home schar

Cliccando sul link si accede alla pagina dove il filmato viene introdotto dal seguente testo “Ecco il video che fa chiarezza su temi intorno al glutine: su possibili disturbi come sensibilità al glutine e celiachia, e sulla soluzione ai problemi legati al glutine cioè gli alimenti gluten-free”.

video schar

Il video racconta in maniera molto dettagliata l’azione del glutine sull’organismo umano con una bellissima animazione, elencando una serie di sintomi riconducibili all’assunzione di glutine e terminando con la frase “Un’alimentazione senza glutine può essere la soluzione”. La prima impressione che ho avuto vedendo il filmato è quella di un chiaro spot che indica i prodotti senza glutine come curativi per i sintomi descritti, senza accennare alla diagnosi da effettuare prima di mangiare questi prodotti. Un video che va nella direzione opposta rispetto al messaggio lanciato da AIC durante la settimana nazionale della celiachia, ma non mi risultano prese di posizione dell’associazione contro tale approccio.

Continuando la lettura delle pagine della Schar, arrivo alle indicazioni utili per poter avere una diagnosi corretta con tanto di elenco dei centri che aderiscono all’iniziativa. Cliccando sulla sezione “Che si può fare” (perché giustamente devo capire come procedere) mi imbatto nelle informazioni utili la cui scaletta prevede un link alle 1500 farmacie e negozi convenzionati dove puoi trovare le risposte (quindi dove vendono i prodotti), poi viene descritto lo Schar Club, dove si può fare, tra le altre cose, uno autotest virtuale e scambiare le ricette con gli altri iscritti, poi si passa finalmente all’iter da seguire per la diagnosi ed a seguire troviamo le indicazioni sull’alimentazione senza glutine in cui si dice di comprare i prodotti con la Spiga Sbarrata e fare riferimento alle indicazioni di AIC, concludendo con un link che porta ad una nuova pagina sull’alimentazione senza glutine. Qui trovo la prima sorpresa: si dice che per essere certi che i prodotti che mangiamo siano esenti da contaminazione, dobbiamo rivolgerci a quelli che riportano la Spiga Sbarrata, affermando che dal 2005 i prodotti sicuri devono essere contrassegnati da questo logo.

Ma siamo proprio certi di questa affermazione? Per verificare quanto dichiarato da Schar, sono andato a spulciare le normative esistenti e trovo che nel 2005 viene introdotta, il 4 luglio, la Legge 123, pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n.156 del 7 luglio 2005 dal titolo “Norme per la protezione dei soggetti malati di celiachia”. Leggendo il testo (link) verifico che non viene mai citata la Spiga Sbarrata, anzi all’art.4 comma 1 si legge “… è riconosciuto il diritto all’erogazione gratuita di prodotti dietoterapeutici senza glutine”. Quindi si fa riferimento ai prodotti dietoterapeutici (consultabili sul sito del Ministero della Salute al seguente linkche possono apporre in etichetta il logo di prodotto erogabile.

Per meglio capire come identificare un prodotto senza glutine liberamente in commercio, ho continuato a leggere le normative vigenti, verificando che in nessuna di queste viene citata la famosa Spiga Barrata. Allo stato attuale, fatto salvo i prodotti dietoterapeutici, l’etichettatura dei prodotti idonei ad un’alimentazione priva di glutine deve seguire il Regolamento Europeo 41/2009 (scarica), il quale recita all’art 3 (Composizione ed etichettatura dei prodotti destinati alle persone intolleranti al glutine), comma 2 “… è ammessa la menzione senza glutine se il contenuto di glutine non supera i 20mg/kg nei prodotti alimentari quali venduti al consumatore finale”. Quindi è facoltà dell’azienda scrivere “senza glutine” sul prodotto che ha queste caratteristiche.

Anche in questa normativa non viene citata la Spiga Barrata. Per capire meglio cosa sia questo simbolo, già qualche tempo fa posi il quesito a Susanna Neuhold, Responsabile Nazionale Area Food di AIC, alla quale rivolsi due semplici domande:

  1. Il marchio Spiga Barrata è una certificazione del prodotto che lo utilizza?
  2. AIC e le sue consociate (Spiga Barrata Service, etc…) sono Organismi di Certificazione Accreditati?

La risposta fu molto chiara: “la licenza della Spiga Barrata non è una certificazione di prodotto, come è inteso tale termine in senso tecnico nell’ambito dei sistemi di gestione qualità, tipo “ISO”, “UNI” o analoghi, né Spiga Barrata Service è un ente di certificazione accreditato. Infatti, nel materiale ufficiale AIC, la licenza della Spiga Barrata non è mai presentata come tale, anche se spesso viene equiparata, anche dalle aziende aderenti, a tali programmi di verifica e validazione, in quanto le procedure sono analoghe (presenza di un Disciplinare e di un Regolamento di concessione, verifica da parte di un ente terzo indipendente, criteri oggettivi per la valutazione di conformità, impiego di personale qualificato e costantemente formato e aggiornato..). Spesso, nell’uso corrente, si sente spesso parlare genericamente per la Spiga Barrata di “certificazione” nel suo senso generale e non tecnico, e in questo senso l’uso non è scorretto, ma improprio, proprio perché potrebbe essere confuso dagli addetti ai lavori con le vere e proprie certificazioni tecniche –di sistema o di prodotto- rilasciate da enti terzi accreditati su standard altrettanto accreditati. Il nostro impegno è evitare che si crei questo genere di confusione e non usiamo mai questo termine in riferimento ai nostri programmi, proprio per questa ragione. Ciò non toglie che il valore di verifica della Spiga Barrata è elevato, proprio perché portata avanti su criteri oggettivi, da parte di un’organizzazione terza, senza scopo di lucro, che ha l’unico obiettivo di garantire la salute delle persone affette da celiachia”.

Chiarito il ruolo della Spiga Barrata (e non Sbarrata come la definisce Schar), mi chiedo a questo punto cosa sia il Prontuario e la risposta al mio quesito la trovo nella rubrica “Gli esperti di AIC rispondono” nel numero 5 di luglio 2015 della rivista Free. Alla domanda: “Quali controlli vengono effettuati sui prodotti in Prontuario?” risponde Martina Izzo, Segretaria Alimenti Gruppo AIC: “… non sono previste ispezioni presso gli stabilimenti produttivi, ma lo staff di AIC verifica, secondo precise linee guida, tutta la documentazione prodotta”.

Conclusioni

Il quadro normativo è molto chiaro e stabilisce due tipologie di prodotti senza glutine che è possibile trovare in commercio, con le indicazioni di come riconoscerli:

  1. I prodotti erogabili dal sistema sanitario nazionale (dietoterapeutici) sono riconoscibili dal bollino del ministero;
  2. I prodotti generici che si trovano liberamente in commercio e presentano un quantitativo di glutine inferiore a 20 mg/kg (ppm) sono riconoscibili dalla scritta “senza glutine”.

Spiga Barrata e Prontuario sono strumenti dell’Associazione Italiana Celiachia creati per aiutare i propri soci a riconoscere prodotti adatti all’alimentazione senza glutine ma, contrariamente a quanto riportato da Schar sul sito www.megliosenzaglutine.it, non sono obbligatori, né previsti dalle norme vigenti.

La Nutella è “legalmente” senza glutine

La crema di nocciole più conosciuta al mondo ha (finalmente) riportato in etichetta la scritta magica per celiaci e sensibili al glutine: senza glutine.

Nutella senza glutine

Dopo anni di presenza nel Prontuario del’Associazione Italiana Celiachia, non si capivano i motivi per cui la Ferrero non si fosse ancora adeguata alla normativa vigente in materia di etichettatura dei prodotti senza glutine.

Il regolamento (CE) 41/2009, unica normativa europea che regola l’etichettatura dei prodotti senza glutine, prevede la facoltà da parte del produttore di apporre la scritta “senza glutine” quando è possibile garantire che il glutine presente nel prodotto sia inferiore ai 20ppm. Dall’entrata in vigore del regolamento 41/2009, Ferrero ha continuato a far inserire la Nutella nel Prontuario di AIC senza però preoccuparsi di apporre le due parole magiche in etichetta. Se dal punto di vista pratico il Prontuario è di grande supporto ai celiaci, dal punto di vista legale non esiste alcuna normativa in cui è citato il famoso libro di AIC e questo ci ha sempre fatto porre il problema delle scelte di alcune aziende, tra cui Ferrero, di optare per la strada “comoda” del Prontuario e non quella prevista dalle norme per l’apposizione della scritta “senza glutine”.

Nei mesi scorsi c’è stata una grande discussione in merito alla decisione di Ferrero di abbandonare il Prontuario e la conseguente reazione dei vertici di AIC, con una lettera inviata alla Ferrero per convincerli a ritornare sui propri passi e far rientrare i prodotti nel famoso libro. Questa lettera, resa pubblica sui social da parte di AIC, ha scatenato i commenti dei celiaci, molti dei quali ponevano domande del tipo: “ma ora che la Nutella non sarà più in Prontuario, vuol dire che conterrà glutine?”. La risposta di Ferrero non è tardata ad arrivare, comunicando che i prodotti presenti in passato nel Prontuario avrebbero riportato la scritta “senza glutine”. Ma questa precisazione non è bastata e per tanti giorni è continuata la campagna mediatica in cui non si faceva altro che parlare di Ferrero e dei prodotti che non rientravano più nel libro. Dopo qualche settimana la Ferrero è tornata indietro ed ha comunicato che ci aveva ripensato e che sarebbe stata ancora presente nel prontuario.

Dopo questi episodi abbiamo contattato il produttore piemontese per avere un chiarimento rispetto alle loro decisioni, ma ci hanno risposto che non erano tenuti a rilasciare dichiarazioni. Abbiamo dunque comunicato loro che avremmo continuato a trattare l’argomento anche senza una dichiarazione ufficiale, fino ad oggi, quando nei locali di una catena di supermercati abbiamo trovato il vasetto che si vede in foto, dove finalmente è bella evidente la scritta che rassicura tutti e che segue ciò che prevede la legge.

Ma la nostra domanda resta in attesa di una risposta: perché i produttori che sono certi di essere al di sotto dei 20ppm preferiscono utilizzare il Prontuario di AIC e non apporre la scritta “senza glutine”? Cosa rappresenta il Prontuario per le aziende: un veicolo di pubblicità a basso costo o un metodo alternativo alle normative vigenti in materia di etichettatura di prodotti senza glutine? A Ferrero non siamo riusciti a chiederlo. Magari proveremo a farlo con altri.

Intanto continuiamo a combattere i prodotti che fanno uso di olio di palma, di cui è ricco la Nutella. Ferrero avrà messo la scritta “senza glutine”, ma fino a quando userà l’olio di palma non la mangerò e non la consiglierò. C’è di meglio sul mercato!

Nonsologlutine e Fratelli Beretta insieme per il calendario 2014

copertina-01

Che il concorso fotografico “Coeliac Does It Better” non fosse fino a se stesso lo si era capito già dall’annuncio della mostra fotografica che si terrà a Brescia in occasione del Gluten Free Expo (15-18 novembre).

Dietro il motto di Nonsologlutine, che ha dato il titolo al concorso fotografico, c’è un progetto molto più ampio e ambizioso. Coeliac Does It Better (Il celiaco lo fa meglio) è un messaggio di positività che vuole tirare fuori il meglio dal quotidiano del celiaco, lasciando da parte le problematiche relative alla gestione di ogni piccolo gesto legato all’alimentazione. Cominciare a guardare il bicchiere mezzo pieno e guardare al mondo che ci circonda con la consapevolezza che non c’è nulla che può impedire di condurre una vita senza ostacoli, magari sfruttando quanto di buono può esserci nello stare attenti a ciò che si mangia, è un messaggio fondamentale che si deve dare a chi vive la celiachia e soprattutto a chi circonda il celiaco.

Questo progetto non è passato inosservato ad una delle più importanti aziende alimentari italiane, Fratelli Beretta, la quale ha sposato in pieno la filosofia di Nonsologlutine perché cammina sugli stessi binari del famoso marchio di salumi. Beretta, nel cammino continuo verso la produzione di alimenti di qualità, iniziato da più di 200 anni, ha bandito dai propri salumi l’utilizzo di ingredienti contenenti glutine.

Con questi presupposti è nata la collaborazione tra Nonsologlutine e Fratelli Beretta, con la realizzazione del Calendario 2014. Per dare maggiore peso a questo progetto, si è deciso di utilizzare le immagini più significative tra quelle partecipanti al concorso fotografico, così da osservare, mese dopo mese, i messaggi di positività espressi dai partecipanti al concorso.

Il calendario, stampato a tiratura limitata, non sarà in vendita, ma bensì sarà dato in omaggio a coloro che diventeranno soci di Nonsologlutine.

Per tutti quelli che saranno presenti al Gluten Free Expo di Brescia, sarà possibile sottoscrivere l’adesione all’Associazione Nonsologlutine Onlus e ritirare al momento il calendario.

Ricordo che la quota associativa annuale è di soli €15,00.

Celiachia e dieta senza glutine: intervista alla Prof.ssa Ciacci

Ciacci Convegno

Questo sito si occupa di alimentazione naturalmente priva di glutine, mettendo il luce le eccellenze gastronomiche senza glutine e le attività più interessanti che girano intorno a questo mondo. Durante questo percorso mi trovo spesso a confrontarmi con le domande di coloro che vogliono avere notizie relative al legame tra la patologia medica e l’alimentazione senza glutine. Per poter approfondire queste tematiche ho deciso di interpellare un’autorità nel campo scientifico di questo settore, la prof.ssa Carolina Ciacci.

La dott.ssa Ciacci è Professore Ordinario di Gastroenterologia presso la Facoltà di Medicina dell’Università degli Studi di Salerno.

Dal 1982 al 2011 ha svolto la sua attività assistenziale presso l’Università Federico II di Napoli, interessandosi di attività ambulatoriali, endoscopia e ricoveri ordinari e Day Hospital. L’interesse particolare della prof.ssa Ciacci per la malattia celiaca ha reso possibile la creazione di un centro terziario per la malattia celiaca e le intolleranze alimentari che, seguendo più di 3000 pazienti adulti della regione Campania, Lazio, Puglia e Calabria è da considerarsi uno dei più grandi esistenti.

Dal 2005 è responsabile del Centro di Coordinamento per la celiachia dell’adulto della regione Campania, con il compito di gestire 24 centri terziari per la diagnosi e follow-up della celiachia che assistono un totale di circa 10.000 pazienti nel territorio regionale.

Ha creato la Rete Regionale per la celiachia, il registro informatizzato che è all’avvio sul territorio, ha collaborato alla stesura delle Linee Guida Regionali per la Celiachia e una serie di  progetti di formazione professionale (medici, infermieri, ristoratori, docenti scolastici).

Dal Marzo 2011 lavora presso AOU del S. Giovanni di Dio e Ruggi d’Aragona di Salerno come responsabile della UOC di Gastroenterologia Universitaria. Ha attivato un ambulatorio per le malattie infiammatorie croniche e celiachia, uno per la motilità gastrointestinale, un centro specializzato nel follow-up trapianti di fegato e un servizio di Day Hospital.

Recentemente (aprile 2012) sulla base dell’H Index  è stata inserita tra i TOP 100 Scientist Italiani , classifica che include tutti i ricercatori, non solo quelli di Medicina.

Incontro la prof.ssa nel suo ufficio al Ruggi d’Aragona di Salerno per parlare in generale delle tematiche legate all’alimentazione del celiaco e sulle linee guida per una corretta alimentazione senza glutine.

Del Forno: Prof.ssa Ciacci, nell’alimentazione del celiaco si parla di un limite massimo di assunzione di glutine pari a 10 mg/giorno. Cosa ne pensa lei di questi dati e in che arco temporale possono essere assunti questi 10 mg?

Ciacci: Gli studi condotti sono limitati dal fatto che non sono omogenei. Hanno testato dosi diverse in tempi diversi sia in bambini che in adulti. La dose di 10 mg deriva da uno studio multicentrico italiano, in cui glutine o placebo venivano somministrati in doppio cieco (Catassi C, Fabiani E, Iacono G, D’Agate C, Francavilla R, Biagi F, Volta U, Accomando S, Picarelli A, De Vitis I, Pianelli G, Gesuita R, Carle F, Mandolesi A, Bearzi I, Fasano A. A prospective, double-blind, placebo-controlled trial to establish a safe gluten threshold for patients with celiac disease. Am J Clin Nutr 85: 160-166, 2007) disegnato sulla base di altri studi presenti in letteratura.  Questo studio, così come gli altri precedenti e seguenti, ha dei limiti dati dal fatto che sono stati esclusi i soggetti maggiormente sensibili al glutine, per cui non sappiamo se in questi “ipersensibili” 10 mg siano troppi o no; inoltre sappiamo con certezza che esistono individui in cui la dose giornaliera di glutine tollerata è più alta. Per quel che riguarda il lasso di tempo entro cui è possibile assumere i 10 mg, purtroppo ad oggi non ci sono dati certi.

D.F.:  Molti celiaci, pur essendo rigorosi nella dieta senza glutine, quando avvertono dei disturbi fisici legati all’apparato digerente, imputano la colpa ad una probabile contaminazione. Potrebbe non essere colpa di una contaminazione l’eventuale malessere, addebitabile invece a cause lontane dall’assunzione di glutine?

C: Avere la celiachia non esclude altre patologie. Esistono dati in letteratura che dimostrano che la sindrome del colon irritabile è frequente nei celiaci. I sintomi sono variazione dell’alvo in senso diarroico o stiptico, dolore addominale, gonfiore addominale che compaiono in modo variabile, senza relazione con l’assunzione del glutine.

Prof Ciacci

D.F.: Si parla spesso di alimentazione senza glutine come di una moda. Quanto è nociva la dieta senza glutine, soprattutto se portata avanti con alimenti naturalmente privi di glutine, così come fanno intere popolazione asiatiche e del sud America?

C: La dieta senza glutine non è mai nociva, se ben equilibrata, ma può essere costosa. In termini economici ed in termini sociali. I diabetici, o coloro che hanno il colesterolo alto nel sangue, devono seguire ugualmente una dieta, ma ogni giorno assumono rispettivamente carboidrati e grassi e questo senza alcun danno. I celiaci non possono e non devono mangiare glutine, mai.  La loro alimentazione richiede una attenzione e una programmazione costante. La sicurezza del cibo diventa per molti celiaci, e per i parenti, il centro focale della giornata.  Per questo non si tratta di demonizzare la dieta senza glutine in assoluto ma piuttosto di usarla per quello che è, una terapia.

In effetti esiste una “moda” dell’alimentazione senza glutine anche quando la celiachia è esclusa. In genere viene auto-prescritta, su suggerimento di amici o parenti, o talora prescritta come “prova” da medici o biologi nutrizionisti. Molte volte la dieta senza glutine, almeno nei primi tempi, funziona nel ridurre i sintomi gastrointestinali. Ma queste persone tendono ad eliminare ben più che il solo grano. Spesso non assumono latte e derivati, molti tipi di frutta e di verdura, ed eliminano cibi complessi e calorici. Quindi è difficile dire se effettivamente sia il glutine il solo responsabile dei loro sintomi.

D.F.: Diverse patologie insorgono nelle persone per effetto della celiachia. Dopo aver iniziato la dieta senza glutine ed aver verificato la negativizzazione degli anticorpi, queste patologie scompaiono dalla vita del celiaco? Ed inoltre, l’organismo di un celiaco che osserva rigorosamente la dieta, è un organismo sano oppure è più delicato di un non celiaco?

C: Molto dipende dalla patologia. Se parlassimo di osteoporosi, ad esempio, molto dipenderebbe dall’età della persona a cui viene fatta diagnosi di celiachia: un giovane recupera facilmente, un adulto non riesce a recuperare ma in compenso interrompe la perdita di massa ossea.  Discorso diverso per la tiroide, i cui il danno derivante dalla celiachia, spesso una tiroidite autoimmune, non regrediscono con la dieta.

Un celiaco che fa bene la dieta è da considerarsi a tutti gli effetti un soggetto sano. Non è allergico, cioè non deve temere complicazioni extra per farmaci o allergie e soprattutto non ha il sistema immunitario più debole.

D.F.: La ringrazio Prof.ssa Ciacci per il tempo che ha dedicato a questi argomenti. Spero di poterla rivedere presto per approfondire ulteriori tematiche che possano essere di interesse generale.

C: Mi ritenga a sua disposizione per ulteriori approfondimenti. A presto.

 

Gelato artigianale senza glutine: più ombre che luci.

gelato 1
Negli ultimi anni abbiamo assistito ad una vera e propria invasione di gelaterie artigianali, tanto nelle città quanto nelle mete turistiche disseminate lungo la penisola. Un fenomeno molto interessante per un prodotto buono da consumare tutto l’anno. Il banco della gelateria è sempre motivo di gioia e difficilmente si esce da essa senza un cono o una coppetta. Ma dietro tanta bontà per gli occhi, non sempre c’è altrettanta bontà per il palato, con gusti sempre più omologati e colori molto spesso lontani dal quelli naturali. Questo problema è figlio di una mancanza di regole che possa definire con certezza l’artigianalità del gelato. Questo permette, a gestori poco onesti, di poter vendere gelati acquistati già in vaschette pronte oppure preparati con l’utilizzo di basi semilavorate a cui aggiungono i soli aromi e coloranti. In assenza di un disciplinare che possa definire il gelato artigianale, nella maggior parte dei casi, l’artigianalità è limitata all’azione della persona che confeziona manualmente questo dessert mediante l’utilizzo della paletta che preleva una quantità di gelato da porre alla sommità di un cono capovolto. 
Se poi cerchiamo un gelato artigianale senza glutine (cosa che dovrebbe rappresentare la normalità in prodotti fatti seguendo le tecniche della gelateria classica), ci addentriamo in un tunnel in cui è difficile trovare la luce finale.
gelato 2
Ho voluto personalmente verificare come reagissero i gelatai alla richiesta di un gelato senza glutine.
La modalità di approccio che ho usato è stata sempre la stessa: ” Salve, vorrei una coppetta di gelato. Poiché sono intollerante al glutine, vorrei sapere tra quali gusti posso scegliere”.
A questa semplice richiesta ho assistito alla più grande varietà di risposte possibili, mai ricevute per altri prodotti alimentari.
Una delle risposte più gettonate è stata: “I nostri gelati hanno tutti il glutine”. Con metodi “pilateschi”, i gestori hanno eliminato sul nascere il quesito del solito celiaco che aveva voglia di mangiare un gelato, tagliando il problema alla radice. Questo tipo di risposta cela una fondamentale ignoranza della materia e magari la volontà di non approfondire l’argomento, celando anche una scarsa conoscenza del prodotto e probabilmente la poca artigianalità del gelato stesso. 
Altra risposta molto diffusa, che ho ricevuto in tantissime gelaterie che mettevano in evidenza anche il famoso cono senza glutine “per tutti”, è stata: “Abbiamo molti gusti senza glutine, ma non possiamo garantirvi che il gelato che serviamo sia esente da contaminazione. Se volete, lo prendete a vostra responsabilità”. Questo tipo di risposta è la più assurda e odiosa in assoluto, perché ha il senso della beffa e forse ci sarebbero i margini di una denuncia per truffa: se si hanno dubbi sul prodotto in vendita, non è giusto mettere in evidenza la scatola con i coni senza glutine sul banco frigo, facendo una pubblicità ingannevole al punto vendita, attirando il pubblico degli intolleranti al glutine all’interno del locale, illudendoli che potranno trovare un gelato senza glutine, per poi deluderli dicendo loro che devono assumersi la responsabilità dell’acquisto. Credo che questa risposta sia peggiore della prima, dove almeno si evidenziava la volontà di non voler vendere gelati ai celiaci.
Altre risposte imbarazzanti sono legate più ai comportamenti che alle parole stesse: servire la coppetta con la cialda a forma di ventaglio in sommità, usare le stesse palette con le quali si è realizzato un cono con glutine un istante prima, prelevare il gelato da vaschette dove erano evidenti le tracce dei coni sbriciolati in precedenza, etc…
Ma a questo punto ci si chiede: sono tutte così le gelaterie artigianali? Siamo costretti a mangiare solo gelati confezionati (sempre più assortiti i prodotti senza glutine delle grandi aziende)?
Per fortuna non tutti i gelatai sono così sprovveduti e sono sempre più presenti sul mercato professionisti seri che prestano molta attenzione ai prodotti senza glutine. Basta guardare la disposizione del banco frigo, la posizione delle attrezzature e la modalità di servizio per capire quanta professionalità c’è da parte dell’operatore nel confezionamento di un gelato senza glutine a prova di contaminazione: usare palette pulite, prendere il gelato in vaschette tenute in laboratorio o nella parte non utilizzata delle stesse, tenere le coppette lontane dai coni o comunque in posizione protetta dalla possibile contaminazione da coni sbriciolati.    
Devo ammettere che i casi negativi che ho riscontrato sono maggiori di quelli positivi e che sarebbe opportuno fare un’attenta riflessione sull’argomento, sia dal punto di vista generale, per la corretta individuazione dei prodotti realmente artigianali, sia dal punto di vista legato al senza glutine, su cui c’è ancora poca informazione corretta.
Dal mio punto di vista, la formazione e l’informazione agli operatori del settore deve nascere in un contesto propositivo, per invogliare chi vuole investire nel settore del senza glutine, senza creare ostacoli. Partendo da questi presupposti le luci saranno sempre più numerose e dimenticheremo i tunnel in cui spesso ci si trova nel quotidiano.

La salute vien mangiando!

La salute vien mangiando La manifestazione Pianeta Bufala è stata la vetrina per la presentazione di una iniziativa che da mesi vede impegnate diverse persone in un progetto informativo rivolto ai bambini delle scuole elementari.

Alla presenza dei bambini del 1° Circolo di Eboli (Sa), sono state proiettate le slide in cui i bambini hanno potuto confrontarsi con l’alimentazione quotidiana, introducendo anche le problematiche relative alle intolleranze alimentari.

Usando un linguaggio molto familiare, quello colorato dei fumetti, si è data la possibilità ai bambini di interagire e di essere protagonisti durante il laboratorio.

Carlo e Giulia

I protagonisti delle slide, Carlo e Giulia, hanno reso molto facile l’approccio con la materia, permettendo ai piccoli di restare seduti per quasi un’ora (impresa ardua per l’età che andava dai 6 ai 10 anni).

Alla fine della proiezione, con l’ausilio delle insegnanti, sono state degustate delle porzioni di ricotta di bufala con un topping di cioccolato fuso: un dolce semplice e senza glutine che ha reso ancora più interessante la mattinata trascorsa con noi.laboratorio piccoli

Questo laboratorio è stato davvero un primo approccio verso il mondo dei bambini. Le altre iniziative saranno presentate all’inizio del nuovo anno scolastico, grazie soprattutto all’impegno di tutti coloro che stanno dedicando buona parte parte del loro tempo alla realizzazione di questo progetto. In particolare voglio ringraziare Danilo Fiorillo e Gabriella Cinque: senza il loro lavoro e la loro dedizione non sarebbe stato possibile creare la prima parte di questo progetto.

credits

 

Quinoa: nuova opportunità per i coltivatori italiani

Da quando l’Onu ha sancito il 2013 come anno della Quinoa, tutti i media non fanno altro che parlare di questa fantastica pianta dalle virtù ineguagliabili, così come accennavo in un mio precedente articolo.

Dopo aver letto la notizia sul Corriere della Sera, oggi ne parla anche l’edizione cartacea de “La Repubblica”. L’articolo, a firma di Silvia Bernasconi, mette in risalto le doti in termini di nutrienti concentrati in questo pseudo cereale: proteine vegetali, amminoacidi, fibre, grassi insaturi (quelli buoni), fosforo, potassio, magnesio, ferro e calcio hanno tutti percentuali superiori a qualsiasi cereale presente in natura.

Può essere mangiata in semi o sotto forma di farina, costituendo la base per qualsiasi ricetta. Per le sue capacità nutritive viene adottata dalla Nasa per i propri astronauti.

Rincorsa dagli chef di mezzo mondo, è diventata la vera star dell’alimentazione moderna. Tenendo conto che tra le altre cose è una pianta naturalmente senza glutine, le prospettive di utilizzo della quinoa sono praticamente infinite e vanno nella direzione di quell’alimentazione gluten free buona per tutti.

Il mio auspicio è che anche ini Italia si possano cominciare ad avere coltivazioni di quinoa, vista la capacità di questa pianta di adattarsi a qualsiasi clima e di riuscire a crescere praticamente ovunque. sarebbe interessante se le varie associazioni di categoria del settore agroalimentare prendessero in seria considerazione l’ipotesi di investire in questo prodotto nel nostro paese, magari provando la produzione in località dove non è semplice sviluppare coltivazioni a noi più familiari.

Aspettiamo che le indicazioni che stanno arrivando in questi giorni a coloro che operano nel settore possano risultare stimolanti per avviare questa nuova coltura nel nostro paese.

Alfonso Del Forno

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Onu: il 2013 Anno Internazionale della Quinoa

Oggi, nella sede dell’ONU di New York, alla presenza del Segretario Generale Ban Ki-moon, è stato proclamato il 2013 come Anno Internazionale della Quinoa.

La cerimonia di consacrazione di questo splendido prodotto della natura è stata presenziata dal Presidente della Bolivia Evo Morales e da Nadine Heredia, First Lady peruviana.

Questo pseudo cereale, definito il “super cibo delle Ande”, ha ricevuto questo riconoscimento per le sue incredibili qualità nutrizionali e per la capacità di poter essere coltivato in qualsiasi condizione climatica, anche in regioni in cui vi è siccità.

Questa caratteristica di adattabilità a qualsiasi tipo di terreno (terreni molto salini, aridi e persino a 4000 metri di altitudine) permette di poter utilizzare questa pianta in regione del pianeta in cui vi sono gravi carenze alimentari, proprio per le avverse condizioni climatiche. Inoltre, la sua “potenza” nutrizionale, rende la quinoa una vera fonte energetica completa, grazie alla presenza, unica tra le piante alimentati, di tutti gli amminoacidi essenziali, micronutrienti e vitamine.
Il fatto che la quinoa sia sempre stata coltivata da piccoli produttori indigeni, ha permesso a questo alimento di mantenere intatte le sue caratteristiche nutrizionali e strutturali durante tutti i 7000 anni di conoscenza del prodotto (nell’alimentazione delle popolazioni del sud america, la quinoa è seconda solo alle patate).
Quello che si evidenzia da questo investitura, è la volontà da parte dell’ONU di voler incentivare la produzione di materie prime alimentari sane e non modificate dall’uomo, ma soprattutto si riconosce la qualità di prodotti altamente nutritivi e che appartengono alle coltivazioni gluten free.
La quinoa, cosi come l’amaranto, il grano saraceno, il miglio e il teff, è un alimento naturalmente senza glutine e l’utilizzo di questo prodotto, in alternativa al frumento, orzo ed altri cereali sempre più ricchi di glutine, diventa non solo una moda, ma anche una necessità per tutti coloro che amano magiare sano, escludendo dall’alimentazione tutti i prodotti molto processati dalle industrie e pertanto lontani da un regine alimentare genuino.
Mi piace ricordare che la quinoa, insieme al miglio, è la materia prima che viene maggiormente utilizzata da chi produce birra artigianale di qualità senza disperarsi della mancanza del malto d’orzo.
Iniziative come quella che oggi ha dato vita l’ONU, sono l’esempio di quanto l’alimentazione sana sia fondamentale nella vita degli esseri umani: riscoprire antiche coltivazioni dove la mano dell’uomo è intervenuta poco nella modificazione delle piante, diventa un percorso obbligatorio per poter sperare di avere sulle nostre tavole prodotti genuini e altamente nutritivi.
(foto: fonte wikipedia)