Le birre artigianali italiane senza glutine

Sono passati due anni da quando proposi all’ing. Consonni, Amministratore Delegato di ICQ-Conal  all’epoca, di effettuare una ricerca sulla presenza del glutine nella birra artigianale italiana. Nella sala riunioni della sede di Cabiate erano presenti anche Giovanni Auditore e Giorgio Volponi, rispettivamente responsabili del settore commerciale e del settore ricerca dell’azienda di Consonni. Abbiamo messo sul piatto della bilancia quali fossero gli aspetti interessanti di questa indagine e quali potessero essere i risvolti sociali. Una ricerca dettata dalla voglia di capire, con dati alla mano, quali fossero le reali possibilità di ottenere birre senza glutine dalle produzioni di qualità italiane. In meno di due ore abbiamo definito tutti i dettagli e le modalità operative. Da quel momento siamo partiti spediti, contattando alcuni birrifici e rastrellando ben 110 birre. Nel frattempo ICQ-Conal è stato acquisito dal gruppo statunitense UL trasformandosi in UL-Conal, senza che questo potesse rallentare la voglia di conoscenza. Ad oggi siamo riusciti a controllare oltre duecento etichette e sono sempre più i birrifici che ci chiedono di conoscere questo parametro all’interno delle loro produzioni.

I risultati sono stati molto incoraggianti e l’argomento ha cominciato a destare l’attenzione di diversi organi di informazione, oltre che dei protagonisti del mondo brassicolo italiano (e non solo). Tra le varie proposte ricevute per poter parlare di queste ricerche, quella che mi ha particolarmente entusiasmato è arrivata da SlowFood, la più importante associazione al mondo che parte dalla gastronomia per toccare argomenti socio-culturali. In particolare sono entrato in contatto con Eugenio Signoroni e Luca Giaccone (che già conoscevo), per poter trattare questo argomento nella Guida alle Birre d’Italia 2015, pubblicazione biennale che fotografa il mondo della birra italiana di qualità , mettendone in evidenza le eccellenze.

guida birre 2015

Abbiamo scelto di inserire un capitolo in cui si descrivono le ultime ricerche che stiamo effettuando, evidenziando alcuni aspetti della presenza del glutine che ci permettono di guardare a questa proteina non solo in funzione di birre utilizzabili dagli intolleranti, ma anche in relazione alla qualità generale della birra artigianale. Oltre alla parte descrittiva, in Guida è presente l’elenco delle birre che hanno ottenuto valori inferiori a 100 ppm (mg/kg) che rappresenta la soglia per i prodotti a bassissimo contenuto di glutine.

Inutile dirlo che forse i dati più esaltanti sono relativi alle birre che hanno valori di glutine inferiore a 20 ppm, che di seguito elenco:

SCIKPILS di Birra del Borgo (10 ppm)

MARRONBONA di Birra Amiata (13 ppm)

PEPITA del Birrificio Mostodolce (13,20 ppm)

ANARKICA del Birrificio Acelum (14,70 ppm)

BLONDE del Birrificio dell’Aspide (14,90 ppm)

Queste cinque birre sono quelle che hanno dato i risultati più bassi e bisogna ricordare sempre che sono birre messe sul mercato senza che venissero prodotte per avere un valore basso del glutine. Sono le birre che amo definire “inconsapevolmente senza glutine”.

I dati di tutti le birre che hanno meno di 100 ppm, che potrete leggere dettagliatamente nella Guida alle Birre d’Italia 2015 da oggi in libreria, fanno emergere un dato fondamentale: le normali produzioni brassicole, soprattutto per alcuni stili birrai, sono tali da rendere possibile l’abbattimento del glutine all’interno della birra e quindi risulta molto stimolante affinare le tecniche di produzione per poter standardizzare questo tipo di valore all’interno dei singoli lotti.

Ritengo importante precisare che le birre sopra elencate, pur avendo valori di glutine inferiori ai 20 ppm, al momento non sono commercializzate con la dicitura “senza glutine” e quindi sarà necessario aspettare che ogni singolo birrificio riesca a rendere costanti i vari lotti di produzione per poter avere sul mercato queste birre con tutte le garanzie necessarie per poter essere bevute da tutti. Ormai la strada è tracciata e posso garantirvi che oltre a tutte le birre elencate, vi sono ancora altri marchi che stanno lavorando per ottenere birre artigianali senza glutine. Non ci resta che proseguire lungo la strada della ricerca che abbiamo iniziato ed essere vicini ai birrifici che hanno deciso di intraprenderla.

Cheers

11 pensieri riguardo “Le birre artigianali italiane senza glutine

  • 30 aprile 2014 in 13:25
    Permalink

    Ciao Alfonso,
    Che significa per una birra essere sotto i 100 ppm di glutine? Io sono rimasto ai famosi 20 ppm.

    Risposta
    • 30 aprile 2014 in 13:33
      Permalink

      100pm è il limite al di sotto del quale un prodotto può essere definito “a contenuto di glutine molto basso”

      Risposta
      • 4 maggio 2014 in 16:11
        Permalink

        “a contenuto di glutine molto basso” ma non adatto ai celiaci giusto?

        Risposta
        • 4 maggio 2014 in 16:27
          Permalink

          Il celiaco deve seguire la dieta con prodotti “senza glutine”, che sono definiti tali se hanno meno di 20ppm.

          Risposta
          • 4 maggio 2014 in 16:28
            Permalink

            per l’appunto dicevo… 🙂

          • 4 maggio 2014 in 16:35
            Permalink

            La cosa interessante è avere una fotografia della situazione odierna di produzioni artigianali su cui non è stato fatto alcun lavoro per abbattere il glutine. I dati si riferiscono a normali produzioni. Lavorando sui processi, tutti questi valori sono assolutamente migliorabili. Intanto almeno 5 sono già sotto i 20ppm…

  • 2 maggio 2014 in 14:41
    Permalink

    Domani sono alla presentazione delle guida a Madre Birra! Con molta molta gioia relativamente a questo contributo e in attesa di saperne di più! 🙂

    Risposta
    • 2 maggio 2014 in 15:02
      Permalink

      Spero ti piaccia il contributo nella sezione del senza glutine

      Risposta
  • 30 luglio 2014 in 22:45
    Permalink

    ciao sono Enza,sono celiaca da 6anni….!Noi ci siamo konosciuti a Piedimonte Matese ad 1degustazione,dove ho bevuto 1birra la greens….Io ero interessata a sap se xesempio le famose birre normali si possono bere,mi hanno detto della birra a limone.tu ke sai?

    Risposta

Rispondi

Clef two-factor authentication
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: