Sidro: un mondo da scoprire.

image

A volte si diventa pigri quando ci si trova di fronte a qualcuno che chiede: cosa beve? Il pensiero va sempre verso ció che ci è piú familiare: birra, vino, bevande zuccherate o light…
Questa volta mi andava di andare fuori dagli schemi perché ero rimasto attratto da una bottiglia di sidro.
Avevo bevuto del sidro molti anni fa in un pub londinese e da allora non ne avevo mai trovato a portata di mano qui in Italia.
Mi faccio portare al tavolo questa bottiglia di sidro della Cornish Orchards, azienda del sud ovest dell’Inghilterra, in Cornovaglia. L’albero di mele disegnato sull’etichetta è davvero molto bello, con una ricerca raffinata dei dettagli.
Ma veniamo al contenuto, che verso in un calice per poterlo degustare al meglio.
Il colore giallo intenso con la leggera frizzantezza lo rende attraente anche solo a guardarlo, ma solo quando lo si accosta al naso e poi al palato, si ha la sensazione di entrare in un mondo completamente diverso del bere.
I sentori sono molto intensi e nonostante una dolcezza di base, si sente chiaramente una leggera acidità che tende a lasciare la bocca pulita e asciutta. Questa sua caratteristica mi fa pensare che potrebbe essere interessante berlo in abbinamento a dei formaggi.
Ammetto che per me è una piacevole riscoperta e mi riprometto di andare alla ricerca anche di altri marchi reperibili nel nostro paese e magari trovarne qualcuno italiano.
Di certo potrebbe essere un valida alternativa gluten free, anche se poco diffusa in Italia. Cosa ben diversa in Gran Bretagna, dove invece lo si trova in tutti i pub.
Magari ne proporrò diversi in queste pagine, così avremo un approccio piú familiare a questo prodotto così ricco di qualità.

2 pensieri riguardo “Sidro: un mondo da scoprire.

  • 10 aprile 2012 in 22:59
    Permalink

    Ciao, se sei alla ricerca di bevande alcoliche assolutamente prive di glutine dovresti provare anche l’idromele

    f.

    Risposta
    • 12 aprile 2012 in 11:26
      Permalink

      L’idromele è un’altra delle bevande che ho messo in “cantiere” per le degustazioni. Un pò alla volta cercherò di offrire su queste pagine una panoramica ampia di tutto ciò che può essere il mondo del beverage senza glutine.

      Risposta

Rispondi

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: